Nata nel 1996, Sartori Ambiente si è da subito proposta di sviluppare prodotti e soluzioni per l’ambiente. Dalla fornitura dei primi termocomposter, passa presto all’ideazione e alla realizzazione della linea completa di contenitori dedicati alla raccolta domiciliare. Lo sviluppo sulle varie linee di produzione ha condotto Sartori Ambiente ad affermarsi come leader di settore sia in Italia che in Europa.
Sito web: Sartori Ambiente
Sartori Ambiente nasce nel 1996 con l’intenzione di sviluppare prodotti e soluzioni tecnologiche per l’ambiente. Risalgono a quegli anni la diffusione di una coscienza ecologica collettiva e la consapevolezza che la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti sono una problematica complessa che prende i toni di drammaticità in alcuni contesti geografici. L’applicazione del decreto Ronchi (1998) si diffonde e sia i privati che le pubbliche amministrazioni sono richiamati ad un grande senso di responsabilità nella pianificazione di investimenti significativi sulle istanze di sostenibilità del settore. In quel momento Sartori Ambiente comincia un percorso di ricerca che approda alle prime produzioni tecnologiche: a partire dal termocomposter, si arriva nel 2002 alla proposta di una intera linea di contenitori, “Urba”, dedicati alla raccolta domiciliare. La costante crescita e le soluzioni di successo conducono Sartori Ambiente  a diventare in Italia ed Europa e ad arrivare nel 2008 in Nuova Zelanda. La tensione ad una conduzione responsabile e attenta in ogni aspetto alla sostenibilità è riconosciuta grazie alla certificazione UNI EN ISO 9001:2008 dal 2007 e UNI EN ISO 14001:2004 dal 2009. I prodotti “Urba” e “Stelo” hanno ottenuto la certificazione “Plastica Seconda Vita” nel 2007 e nel 2009 la medesima certificazione è stata assegnata ai prodotti “Horto”.
Chiudi il menu